• 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
Giovedì 18 Gennaio 2018

benvenuti ...

... nel sito dell'antico Priorato cluniacense di  s. Egidio in Fontanella, ora Cappella vescovile. La comunità cattolica che vive nella terra bergamasca, insieme al suo Vescovo Francesco, vi saluta con semplicità e cordialità.
Sono passati più di novecento anni da quando Alberto da Prezzate fondò la chiesa di S. Egidio e il monastero benedettino adiacente. Le generazioni si sono susseguite nello scorrere dei secoli, come le stagioni, come gli eventi della piccola e grande storia degli uomini. Eppure mai han cessato di risuonare nella quiete del chiostro e all'ombra delle possenti mura di questa chiesa i passi dei viandanti. Qui sono passati uomini, con il loro carico di gioie e dolori, per rivolgere una preghiera, chiedere un aiuto, ascoltare la Parola, respirare la presenza dell'Assoluto. Nel cuore della collina, tra pietre sacre e preziosi silenzi cari al santo papa Giovanni e al poeta padre Davide Turoldo, qui sarete i benvenuti, qui dove tutto parla del Dio Trinitario Padre, Figlio e Spirito Santo, e del Crocifisso Risorto, che accoglie i passi di tutti e ciascuno. Qui, ci si fa tua compagnia, fraternamente, in questo angolo di storia che percorriamo insieme. Questa è la casa del Signore, questa è casa tua: grazie per essere qui tra noi e buon viaggio!

il Rettore

  • L' angolo

     

    Foglie di palma

    Charles Bukowski (1920-1994)

    a mezzanotte in punto
    1973-74 Los Angeles

    ha cominciato a piovere sulle
    foglie di palma fuori dalla mia finestra
    i clacson e i fuochi d’artificio
    erano svaniti
    e tuonava.

    ero andato a letto alle 21.00
    spente le luci
    tirate su le coperte –
    la loro letizia, la loro felicità,
    le loro urla, i loro cappelli di carta,
    le loro automobili, le loro donne,
    i loro ubriachi dilettanti…

    la notte di Capodanno mi atterrisce
    sempre

    la vita non sa nulla degli anni.

    adesso i clacson si sono ammutoliti
    e i fuochi d’artificio e i tuoni…
    tutto è finito in cinque minuti…
    odo soltanto la pioggia
    sulle foglie di palma,
    e penso:
    non capirò mai gli uomini,
    ma è andata
    anche questa.


    Via Crucis dell'oggi
    Leggi tutto
  • 1
  •  

    Diario 
    :::: per l'ospitalità a sant'Egidio in Fontanella: animatori di gruppi parrocchiali, giovanili e adulti, possono trovare qui un luogo di silenzio operativo; perciò si privilegia la loro presenza rispetto a quella di bambini o ragazzi, anche perché i ridotti spazi della Rettoria non si confanno alle esigenze di moto dei più piccoli ::::  
    ::: per contatti vedi sotto nel riquadro "informazioni" :::: 

    Domenica 7 gennaio 2018 animatori adolescenti di Boltiere con il curato don Luca.   >>>   Nel pomeriggio, l’Èquipe educativa dell’oratorio di Calolziocorte, con don Matteo.   >>>  da sabato 6 a domenica gli scout di Dalmine.   >>>   Da giovedì 4 a venerdì 5 i ragazzi già cresimati di Bonate sopra in convivenza di preghiera e formazione, con il curato don Stefano.    >>>   Da mercoledì 3 a giovedì 4 ospitiamo in accoglienza i ragazzi di prima superiore della parrocchia di Monte Marenzo accompagnati dal parroco don Giuseppe e dagli educatori.  Due giorni di riflessioni e preghiera in preparazione al Sacramento della Cresima che riceveranno la prossima domenica.   >>>    Sabato 30, in mattinata raggiungono la nostra Abazia una cinquantina di persone del Gruppo famiglie della parrocchia di San Giorgio Limito in Pioltello accompagnati dal parroco don Marco. Dopo aver celebrato l'Eucaristia, pranzo nel salone prima di ripartire verso l'osservatorio astronomico di Brembate Sopra per " continuare a guardare il Cielo" ...   >>>   Da martedì 27 a sabato 30 ospitiamo in accoglienza una ventina di aderenti al Circolo Culturale Selvanesco per  una tre giorni dedicata a " Ricercare l'essenziale: una nuova terra e un nuovo cielo", meditazioni di don  Marcellino Brivio.   >>>   il Santo Natale ci ha portato nella celebrazione della notte tanti amici: veglia ed eucarestia intensamente partecipate.   >>>   Il 24, sospesa la celebrazione eucaristica, per vivere il giorno come vigilia: la liturgia della quarta di domenica di Avvento si è tenuta nel pomeriggio di sabato 23.   >>>    Nel pomeriggio del 24, raggiungono la nostra Abazia un folto gruppo di Scout di Cologno al Serio: li ospitiamo per la cena. Poi si uniscono ai tanti che partecipano alla Messa della notte in Abazia.    >>>   Prima dell'alba di sabato 23, circa 140 ragazzi provenienti da un po' tutta la Diocesi, raggiungono la nostra Abazia dopo aver camminato nella notte dal Seminario di Bergamo fino a qui. Lungo il cammino alcune tappe per riposarsi e per ascoltare testimonianze e  riflessioni. Don Manuel Belli celebra per loro la Santa Messa, animata dal suono dell'organo e dai canti dei ragazzi del liceo del Seminario. Prima di riprendere la strada del ritorno, colazione per tutti nel salone grande della Rettoria.    >>>    Martedì 20 : visita all’Abazia e al nostro Rettore, suo compagno di Seminario, di monsignor Aldo Cavalli Nunzio in Olanda: conversazione pregna di ricordi e di sguardi sulla Chiesa.   >>>   Lunedì 18, giornata di formazione per il Coordinamento Regionale delle Caritas Lombardia: una ventina di persone.   >>>   Domenica 17 : pomeriggio di ritiro in preparazione al Natale per i ragazzi di quinta elementare della parrocchia di Madone accompagnati dai genitori e dalle catechiste.   >>>   Domenica 10: Giornata di ritiro per le coppie che si preparano al matrimonio, dell'unità pastorale di Scanzorosciate.  A guidare la giornata don Cristiano Re.   >>>   Dal tardo pomeriggio, famiglie della parrocchia di Santa Lucia in ritiro d’avvento: condivisione, cordialità, e gioiosi auguri .    >>>   Sabato 9, ospitiamo per l'intera giornata il gruppo giovani della parrocchia dei santi Giovanni e Pio di Vigevano accompagnati da don Francesco. Meditazione e silenzio in preparazione al Natale.   >>>   Mercoledì 6, visita guidata per un gruppo di amici della provincia di Milano in cammino lungo i sentieri da Pontida a Fontanella.   >>>   Domenica 3, la sera.  I giovani del Vicariato dell'Isola si ritrovano con i loro curati in Abazia per una preghiera in preparazione all'Avvento.   >>>   Sabato 2: Nel pomeriggio visita guidata all'Abazia per i bambini di V Elementare della parrocchia di Ramera di Ponteranica accompagnati dalla catechista e dalle famiglie per un fine settimana nel paese natale del Santo Papa Giovanni.   >>>   alle ore 17, celebrazione del Battesimo del piccolo Andrea,la cui famiglia risiede nell’ ambito parrocchiale.    >>>   Verso sera , una ventina di adolescenti della parrocchia di Boccaleone guidati dal curato don Francesco si preparano al cammino di Avvento con una veglia di riflessione e preghiera che si prolunga nella notte, ben oltre l'orario previsto, grazie all'intensa condivisione dei ragazzi.    >>>   Domenica 26 novembre, dalla parrocchia di Chiuduno:  giornata di ritiro e riflessione per una cinquantina di mamme e di volontarie dell'Operazione Mato Grosso. A guidare le meditazioni don Tommaso, loro curato e referente.   >>>   Mercoledì 22: visita guidata per un  centinaio di aderenti al Cai Provincia di Bergamo di passaggio dalla nostra Abazia in cammino lungo i sentieri del Monte Canto.   >>>   Da sabato 18 a domenica 19 ospitiamo in accoglienza il gruppo giovani della parrocchia di SottoilMonte_Botta.   >>>   Sabato 18: nel pomeriggio visita guidata all'Abazia per una cinquantina di aderenti all'Associazione "Le macine" di Biassono.   >>>   Pomeriggio di confronto per una quindicina di "under 40" della parrocchia di Fontana in città guidati dal parroco don James.   >>>   Verso sera, momento di riflessione per il gruppo giovani della parrocchia di San Giuseppe di Dalmine accompagnati dal parroco don Roberto.    >>>   Mercoledì 15,  mattinata di ritiro per i sacerdoti del Vicariato Mapello-Ponte.   >>>   Domenica 12 novembre : pomeriggio di ritiro e condivisione per I genitori che si preparano al Battesimo dei loro figli, della Comunità pastorale di Ambivere-Mapello-Valtrighe: a guidarli don Emanuele. 

    Leggi tutto
  • 1
  • Segnalazioni / Corrispondenze

    Cinema

    L’insulto, del regista libanese Ziad Doueiri. Beirut, oggi. Yasser è un profugo palestinese e un capocantiere scrupoloso, Toni un meccanico militante nella destra cristiana. Un tubo rotto, un battibecco e un insulto sproporzionato, pronunciato da Toni in un momento di rabbia, innescano una spirale di azioni e reazioni che si riflette sulle vite private di entrambi con conseguenze drammatiche, e si rivela tutt'altro che una questione privata. Un'opera di immersione in profondità, dunque, tra lapsus e impulso, raccontata però in verticale, perché il conflitto, come la rabbia, come l'umiliazione, è qualcosa che monta. Raccontata in maniera diritta, appunto, attraverso tappe che si potrebbero dire prevedibili, eppure, non solo l'avverarsi del prevedibile è parte integrante del discorso, ma soprattutto è sfumato, colorato, drammatizzato da un ottimo copione, che si muove abilmente tra la sfera pubblica (e il film processuale) e il momento privato (dunque il dramma psicologico). Il film ha una forza comunicativa.  Perché parlare del peso simbolico delle parole e delle sue conseguenze reali, vuole anche dire parlare della responsabilità di chi si esprime attraverso un mezzo come la parola, che è megafono: oggi soprattutto dove insultare l’avversario diventa una merce quotidiana.  E dunque giustizia dev'essere e non rimozione, senza né vittime né colpevoli, solo affrontando fino in fondo le cose, per poter finalmente voltare pagina.

    Leggi tutto
  • 1
  • daQui

    Dialetto - Se non fosse che bisogna pure tenersi un poco in contatto con il mondo, scollegherei il tv di casa mia. E non solo perché il canone che paghi è dato solo per il riciclaggio continuo di cose viste e riviste almeno cinque volte (parlo dei telefilm gialli che sono l’unico mio divertissement); e non solo perché i telegiornali hanno la fattura di pastoni, dove la cosiddetta par condicio infila l’uno sull’altro - i politici, intendo – senza alcun discernimento.  Così provocando quegli accumulati popoli dell’ignoranza che siamo diventati, pur nei diversi dialetti, che - ora disimparati – ci potrebbero salvare. Quel che sta avvenendo in questi primi giorni dell’anno , mi ricorda quel proverbio che avverte di stare attenti al piede di partenza: Arda come i va i dé dal du al dùdes de Zenér: anno buono o cattivo? vero o ipocrita? Dal due gennaio a oggi se ne sono sentite di tutte: prima dentro poi fuori l’euro; quattrocento - o quattromila? - leggi da cancellare (operazione che già fu slogan di un ministro bergamasco, cui, pur capace a proprio dire di porcate, non riuscì neppur per una); basta tasse universitarie per tutti – e detto dalla sinistra che si mette a sinistra fa arricciare i capelli anche ai calvi, per il principio di non contraddizione che vorrebbe contribuire diversamente a secondo dei redditi: e su tutte le tasse); riesumare vecchie leggi sulle pensioni, che (all’erta giovani che state votandoli!) metterebbe nel baratro un intero futuro. Insomma, direbbe sempre l’antica saggezza popolare, töcc i cà i fa ‘ndà la cua; töcc i coiò i völ dì la sò. Il problema è, più volte sottolineato, che politici non si nasce: si diventa. E si diventa imparando: le sane scuole di formazione che gli antichi partiti avevano, sono soppiantate da internet, dove tutti diventano bravi ascoltando i ribollimenti del proprio ventre. E diffondendoli. Dimentichi di quel proverbio milanese che sulla sponda di dirimpetto al mio paese risuonava severo: offelee, fa el tò mestee. La competenza, ecco cosa sembra mancare in questi primi giorni di gennaio, ma non solo da ora. Il sapere che conduce al discernimento: discernimento che si acquista con fatica, con studio, e non certo nei prati di quei mascherati nuovi celti che dei celti non sanno nulla; o di quelle piazze virtuali, finto-democratiche, che di fatto impongono un liderismo senza confronto. Parlando a dei giovani, ieri il ministro dell’economia avvertiva: “Diffidate di chi vi propone delle scorciatoie, da chi vi dice che i problemi sono semplici e che le soluzioni sono a portata di mano. La verità è tutt’altra: i problemi sono complessi perché complessa è la società. Se fate una scelta che produce benefici per alcuni, probabilmente dovrete finanziarla con risorse da sottrarre a qualcun altro. Che non sarà contento. La politica economica è fatta di scelte che allocano risorse, magari spostandole da una funzione economica a un’altra. Ogni partito cercherà di conquistare la fetta di consenso la più ampia possibile, ma attenzione, non tutte le promesse sono realizzabili”.  A questa buonsenso fa eco il vescovo Galantino: “Occorre un sussulto di onestà, realismo e umiltà da parte di coloro che chiedono il nostro voto”. Una intromissione del potere ecclesiastico, o una saggezza minima comune a chiunque ragioni? Un tempo i preti erano anche maestri nei paesi: insegnavano il Vangelo partendo dall’abc della scrittura per innestare l’abc della vita: saranno i pulpiti odierni capaci di coniugare Vangelo e città?  11 gennaio 2018  

    Leggi tutto
  • 1
  • INFORMAZIONI UTILI

    Attilio Bianchi, rettore

    La chiesa abbaziale
    è aperta dalle 8 del mattino fino al calar del sole.

     La Domenica, e nelle feste del Signore e dei Santi, l'Eucarestia si celebra in Abbazia alle ore 10,30.

    Per richieste personali al Rettore:
    e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. telefono: 035.4362202 (preferibilmente il mattino dalle 7,30 alle 8,30).

    Per uso degli spazi della Rettoria:
    telefonare o mandare sms al 339.3765458 o inviare mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • INFORMAZIONI UTILI

    ACCOGLIENZA GRUPPI

    Apertura: tutto l'anno.
    Attività: Esercizi Spirituali, Ritiri, Giornate di Spiritualità, Convegni. Ci si può far guidare o da propri referenti o dal rettore dell’Abbazia.Tipologia ospiti: sacerdoti, diaconi, religiose/i, giovani e adulti laici.

    Ricettività: 20 posti letto disposti in: 1 camera singola, 1 camera a 5 posti letto singoli, 1 camera a 7 posti letto a castello. Una camera è dotata di servizio privato, le restanti camere sono dotate di servizi in comune.

    Servizi: ogni giorno, possibilità di celebrazioni per gruppi.

    Casa non attrezzata per accoglienza disabili.

  • INFORMAZIONI UTILI

    SACRAMENTI
    Per disposizione vescovile in questa chiesa ordinariamente non si celebrano sacramenti di battesimo e matrimonio, se non per le persone residenti nella parrocchia_

    COME RAGGIUNGERCI:
    • auto e bus privati trovano parcheggi su via Fontanella alta e/o via Reg. Teoperga
    • treno (la stazione più vicina, Terno, dista 4 Km)
    • bus pubblici (la fermata si trova a 2 km)

    PER DONAZIONI:
    Rettoria s. Egidio
    Cassa rurale BCC di Treviglio - fil. Sotto il Monte Giov XXIII
    IT34 O 08899 61440 00000 0370654


  • 1
  • 2
  • 3
  • Il Vangelo
    secondo santa Marta

    139. Anche i bambini sono crudeli.Questo significa che c’è qualcosa dentro di noi che ci porta a questo, all’aggressione del debole. Ed è una delle tracce del peccato originale, perché questo aggredire il debole è stato l’ufficio di Satana dall’inizio: lo ha fatto con Gesù e lo fa con noi, con le nostre debolezze. E noi lo facciamo con gli altri. Non c’è compassione in Satana: non c’è posto per la compassione. E quando si aggredisce il debole, manca compassione. Che il Signore ci aiuti a vincere questa crudeltà.

    Leggi tutto
  • contrAppunti 

     Ius soli - Non sorprende che in aula non ci fosse nessuno, dico nessuno dei 35 senatori Cinquestelle. Loro non si comportano e non ragionano come se vivessero in Italia, come noi poveri imbecilli, ma come se abitassero altrove, in un paese tutto loro. Oltre che incompetenti, irresponsabili. E voilà, molti vogliosi di votarli, e di essere votati.

    Leggi tutto
  • 1

Chi è on line

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online